Dr. Rakhshan Alireza | ASPORTAZIONE NEI E NEOFORMAZIONI BENIGNE VISO E CORPO
15310
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15310,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive
 

ASPORTAZIONE NEI E NEOFORMAZIONI BENIGNE VISO E CORPO

SICURO, RAPIDO ED EFFICACE

Grazie alla metodica PLEXR (elettrochirurgia non ablativa) l’effetto sui tessuti trattati è di “sublimazione” degli stessi senza determinare alcun danno ai tessuti circostanti, senza necessità di anestesia iniettiva preliminare (in alcune applicazioni si utilizza un anestetico locale in crema prima del trattamento), senza provocare sanguinamento della zona trattata e rendendo non necessario l’utilizzo di punti di sutura, medicazioni, cerotti o creme anestetiche.

 

Grazie a questa tecnologia, il metodo PLEXR è:
– Sicuro, rapido ed efficace
– Non è collegato ad alcun dispositivo elettrico
– Estremamente versatile

ALCUNI CAMPI DI APPLICAZIONE:

  • Neoformazioni cutanee e verruche volgari (metodica alternativa alla tecnologia laser o all’elettrobisturi).
    Si determina con il solo utilizzo del PLEXR una cosiddetta “anestesia anulare” che consente il trattamento senza fastidi per il paziente. Il trattamento è rapido, indolore e consente di non esitare in discromie o cicatrici.
  • Macchie cutanee (lentigo, dicromie post-infiammatorie…)
    Il trattamento consente di sfumare la macchia e rimuovere le “crosticine” delicatamente con lo specifico disinfettante eliminandola completamente o parzialmente (in caso di pigmento profondo). E’ possibile ritrattare ove necessario a distanza di un mese.
  • Acne in fase attiva ed esiti cicatriziali depressi post-acneici.
    La metodica consente di trattare comedoni aperti e chiusi e pustole infiammatorie determinando una vera e propria plastica del follicolo pilo-sebaceo che non consente successivamente la ricomparsa della singola lesione acneica.
    E’ in grado di ridurre e/o eliminare il trattamento farmacologico attivo delle forme trattate (grado lieve e moderato)
    Il trattamento degli esiti cicatriziali prevede – innanzitutto – il trattamento dei bordi delle cicatrici depresse in modo da ridurre il dislivello e permettere al fondo di risalire (anche in più sedute sempre ad intervalli di 28 giorni), successivamente si possono trattare con la tecnica a spot le mamellonature tra le singole cicatrici in modo da ridurle attraverso il meccanismo della retrazione. Non va mai trattato il fondo delle cicatrici.

ALCUNI ESEMPI DEI NOSTRI INTERVENTI:

PRIMA

DOPO